Trattamento endoscopico tendine d'Achille

Si può operare il tendine d’Achille senza aprire/incidere la cute?

Sì, con due diverse modalità:

  • con tecniche percutanee, con fili passanti che suturano la lesione e vengono “annodati” fuori dalla cute
  • con tecniche endoscopiche che permettono di valutare e trattare la sede della lesione con la visuale di una telecamera di pochi mm introdotto da un piccolo accesso cutaneo (5 mm ca)

Cosa si può fare per una tendinite/tendinopatia del tendine d'Achille in endoscopia?

Si possono eseguire piccole scarificazioni per “ravviare“ il tessuto tendineo degenerato od alterato e si possono contestualmente iniettare cellule riparatrici/rigenerative come il gel piastrinico/PRP e le cellule mesenchimali.

Si possono anche eseguire suture di lesioni parziali o lesioni complete/totali del tendine.

Immagini intraoperatorie di trattamento endoscopico del tendine d’Achille per tendinopatia e lesione parziale del tendine d’Achille